Chi siamo

 

radio_duplex_72

Duplex Ride è un’associazione culturale interessata ad ogni forma d’arte.
Organizziamo principalmente eventi di musica elettronica e videoproiezione.
Duplex Ride è un’idea in movimento, è arte collettiva, è ricerca elettronica, è sperimentazione in tutte le sue forme, dalla pittura, alla fotografia, alla scrittura.

In questo momento collaborano:

NOS  www.myspace.com/itnos

NOS e’ formato da Marco Cacciamani, Claudio Ferrari e Riccardo Canessa, che, tra le rispettive diverse passioni artistiche, qui condividono quella che hanno in comune:  la musica eletttronica.
Essenzialmente improvvisate, le loro performances sono integrate con videoproiezioni curate da Gianriccardo Scheri  ed aperte ad interventi di ospiti .
Si definiscono un gruppo d’improvvisazione elettrotecnica, i cui diversi incontri in studio e i concerti dal novembre 2008 hanno finora fruttato 3 CD autoprodotti.

ZSP (Zena Soundscape Project)https://www.facebook.com/zenasoundscape
Davide Bruzzi,  Marina Larcher

ZSP è un progetto di improvvisazione elettronica e solistica, composto come un live set modulare dove le trame di chitarra, voce, sassofono, e tastiere si alternano e si intrecciano,componendo fugaci visioni su una tela di loops onirici, ritmica elettronica e jazz bass.
Il gruppo ama proporre lunghe improvvisazioni le cui tracce si perdono nel vasto panorama della musica psichedelica ed elettronica dagli anni ’70 ad oggi.

Le influenze musicali vanno dagli Ozric Tentacles più recenti ai migliori Hawkwind, Tangerine Dream e Pink Floyd.
Forte del line up esteso e del sound ricco e caleidoscopico, il progetto prepara un full-length album senza rinunciare all’indispensabile attività live, collaborando alla scena elettronica genovese tramite la realtà di Duplex Ride.

VALERIO VISCONTI alias K  www.veryelectromusic.com

Electro performer, pianista, tastierista, dj, artista moderno.
Valerio Visconti è da sempre alla ricerca dell’innovazione nel campo della musica, spinto da una creatività che lo ha portato a molti risultati in diversi settori musicali.
Dopo anni di concerti come pianista e un cd di sue composizioni, scopre i sintetizzatori e da li non si staccherà più.
Con il suo progetto electro one man band “K” ha prodotto un album, tre ep e un altro album è in arrivo.
Ha realizzato un video di ricerca in collaborazione con l’IIT utilizzando un robot come controller live.
Ha composto le musiche di due app per iPhone/iPad di grande successo.
Suona nei FOUR:PLAY, progetto avveniristico in cui gli spettatori controllano tramite avatar proiettati musica e visual.
Hanno condiviso il palco di recente con artisti del calibro di Wolfgang Flur dei Kraftwerk, We Love, Lee Foss, Gold Panda, Scuba, Marcel Dettman, Ben Klock, Soul Clap.
E’ stato tastierista e compositore di alcuni dei migliori gruppi degli ultimi anni a Genova.
La sua ricerca lo ha spinto anche al djset, con suoni sempre nuovi dai generi più diversi della musica elettronica.

DollWorld (Angela Mambelli)  www.myspace.com/dollworldit

Designer e performer. Con l’utilizzo di ambienti e oggetti miniaturizzati, manipolati dal vivo e ripresi da microcamere, compone un racconto per oggetti ( object tale) che viene videoproiettato nell’ambiente.

Aspera Project (Stefano Roffo)  www.myspace.com/asperadynamo

Scrittore, fotografo, musicista. Con la sigla “Aspera” realizza composizioni musicali elettroniche: un tappeto sonoro con inserimento di voci filtrate e tromba.

Gedron (Gerardo Fornaro)  gerardo.fornaro@yahoo.it

è alla ricerca di un sound elettronico catartico. Con l’utilizzo di ritmi ipnotici che a volte simpatizzano per le dance hall… Una ricerca che a volte lo porta all’utilizzo di suoni ambientali o rumori industriali.

DEBASER (Gianluca Faziola)

La sua musica si contraddistingue per una parte melodica contratta ed essenziale, samples vocali in cui le voci si confondono in echi e riverberi fino a perdere il loro significato originale e sottofondi sonori articolati.
Le trame ritmiche si susseguono in strutture verticali in continua mutazione e, attraverso accostamenti spontanei e istintivi, le sequenze si ricompongono fino a dare unità e coesione ai brani.
Per la parte visiva Debaser si avvale della collaborazione di Guido Lotti che utilizzando immagini e video scaricati dal Web affianca e rimonta le sequenze in una sorta di assemblaggio.
I segni dispersi nella rete, come object trouvé, sono manipolati e ricomposti
verso una ricontestualizzazione in differenti forme e significati.

MODUS (Massimo Pegoraro)

Fra techno e natura, casualità e sequencer, ritmi decisi e voci parlate!
Questo e’ sostanzialmente MODUS (massimo pegoraro) classe 1981,
da sempre dedito alla ricerca ed allo studio in ambito musicologico. L’amore per gli strumenti elettronici e la curiosità nello scoprire ogni forma e stile di composizione sono le fondamenta del suo percorso sonoro che vuole riprodurre in ogni sua performance sonora.

ARMENIA (Antonio Armenia) www.armeniamusic.it

La musica è per Armenia uno strumento di descrizione e conoscenza che attraversa il tempo.
È movimento e quiete. Suono ma silenzio.
L’elettronica e il computer sono intesi come meravigliosi strumenti facilitatori della creatività.
È dai primi anni ’80 che sperimenta con il timbro dei sintetizzatori e dei campionatori.
Ha scritto e suonato inizialmente canzoni in duo a Genova con la sorella Luisa: la formazione elettronica si chiamava “Distesa”; di questo collettivo ha inoltre fatto parte anche Gloria Fondacaro per la parte visuale (foto e diapositive) e come performer dal vivo (azione scenica).
Dopo il naturale esaurirsi della forza propulsiva dei Distesa, Armenia si è sempre più dedicato a produzioni elettroniche soliste.
“A New Beginning” è l’ultimo lavoro che ha presentato al pubblico nel 2011: un lavoro organico, che va letto più come un insieme, una visione complessiva.
Armenia coniuga un approccio molto istintivo e intuitivo con la cura meticolosa di un quadro sonoro avvolgente ed emotivo. Le strutture musicali sono presenti ma solitamente semplici e d’impatto.
La ripetizione seriale e al contempo la ricerca della differenza sono due cifre stilistiche dominanti.
In questo contesto il ritmo assume una funzione trainante e di amalgama.
L’attenzione al mondo e alla spiritualità traspaiono dai messaggi espliciti ed impliciti che sono veicolati dalle singole composizioni.

FLUDD  www.fludd.it

ovvero Marco Cacciamani, Gianriccardo Scheri, Angela Mambelli, è una sigla dI produzione che opera a Genova dal 1980, nel territorio dI confine tra arti visive, ricerca musicale, poesia, producendo performances, concerti, eventi teatrali, readings,  videoinstallazioni.
Nell’intento di creare eventi dove s’intrecciano suono, visione, corpo dei componenti del gruppo, in un percorso  che chiede allo spettatore, senza imposizione di significati e con autonomia di giudizio, di forzare i confini dei generi e delle tecniche e riunire i sensi in una esperienza avvolgente.
Gli elementi centrali del lavoro del gruppo sono la musica dal vivo e l’utilizzo del supporto video, combinati in una sorta di concerto per musica, video e parola, in cui la presenza della poesia è affidata alla recitazione o alla proiezione in sintesi di una serie di testi.
Altri elementi sostanziali sono l’utilizzo di ambienti e oggetti miniaturizzati, manipolati dal vivo e ripresi da microcamere, per comporre un racconto per oggetti definito “object tale”.

STEFANO BERTOLI  https://www.facebook.com/khnshs?fref=ts   https://www.facebook.com/kappaenne?fref=ts

Nato artisticamente nei primi anni ottanta, quando, studente di batteria jazz e percussioni sinfoniche, decide di lasciare i “canoni scolastici” per mescolare free jazz, musica contemporanea e krautrock con la neonata new gothic wave.
Questa strada lo porterà fino a New York City dove vive fra l’ 88 e il ’91 dividendosi fra i jazz club più alternativi e l’emittente alternative WKNEWK.
Rientrato in Europa, per tutti gli anni novanta, continua ad alternare la carriera di fonico e producer con quella di percussionista incidendo  fra gli altri con Nova Malà Strana, Iconae e Lunoir.
Nei primi anni 2000 l’elettronica prende definitivamente il sopravvento e le strade di fonico, producer e musicista diventano un tuttuno.
Negli ultimi anni registra e suona live in due progetti personali: Khn’shs, dove produce mantra drone psichedelici con l’ausilio di strumentazione analogico/modulare e K-N, progetto audiovisivo di micro elettronica digitale, fra bit reducing e micro pulsazioni.
Altrettanto degni di nota sono i suoi progetti collaborativi: con la soprano Antonella Suella fonda il duo di musica contemporanea AndromacA; insieme al pittore Cristiano Baricelli, il progetto Il Buio, dove suoni e disegni vengono sviluppati in real time; con l’attrice e performer Kyt Walken il gruppo TraumWelle che produce spettacoli a cavallo fra il kraut rock e l’estetica della guerra fredda.

LUCA MORI

Luca Mori è un architetto.
Progetta spazi ed oggetti che coinvolgono aspetti sonori, plastici e visuali
con l’obiettivo di dare un ruolo attivo a chi ne fa esperienza.

E’ interessato al suono inteso come esperienza globale,
e quindi da porsi in rapporto con l’ambiente e l’azione del soggetto
che interagisce con esso.

ILARIA TESTA

LIDIA GIUSTO  https://www.facebook.com/pages/Lidia-Giusto-Photography/137399612997039?sk=timeline

“Credo di amare la fotografia da sempre; amo così tanto questa forma d’arte
che ogni attimo è potenzialmente importante e può essere fermato nel tempo.
Circa dieci anni fa ho preso piena coscienza di questo e precisamente quando
mi sono avvicinata al tema degli abbandoni industriali, civili, fondamentalmente
per un’esigenza personale sentita, non più idealizzata ma concreta.
Si è posto di fronte ai miei occhi un nuovo modo di vedere,
filtrandolo attraverso l’obiettivo e cercando di trasmettere sensazioni.
Fotografia dell’abbandono, archeologia industriale e urbana, è per me una ricerca
di tracce di ciò che un tempo era e che oggi ancora è  (anche se a volte profondamente mutato nella sua struttura originaria)  e di solito non viene osservato con consapevolezza.
Il percorso che ho intrapreso sulla tematica dell’abbandono è un progetto
di divulgazione visiva, il cui scopo è quello di comprendere come sia possibile
riscoprire emozioni in luoghi dimenticati, ma allo stesso tempo vivissimi,
con il fardello di storia importante che tutto ha dietro di se.
Il motivo del quale sia possibile, in quei silenzi, udire ancora i rumori
che un tempo erano quotidiani, e percepire attraverso l’immaginazione
e sottili segnali che a volte vi è una bellezza anche nella decadenza stessa delle cose.
Scatto dopo scatto mi accorgo puntualmente e con sorpresa, che gli anni dedicati all’osservazione e al congelamento di immagini mi hanno in qualche modo insegnato a catturare anche quello che solitamente non si percepisce, non si vede,quello che i nostri occhi non hanno l’abitudine di mettere a fuoco.
Fotografo tutto ciò che attrae la mia attenzione e la mia curiosità,
tutto ciò che mi emoziona e stimola, in un reportage quotidiano di quello che è la mia vita, un occhio che coglie ed estrapola le sensazioni, i pensieri, le riflessioni,e le pone di fronte a chi vuole per un attimo cercare di immergersi in questo, cercando di trasmetterlo visivamente, denso di sfumature a cui personalmente è difficile sottrarsi.
Un coinvolgimento totale insomma, incentrato sul tentativo di veicolare stati d’animo attraverso le immagini, una passione che mi porta a crescere giorno dopo giorno, cercando sempre di fotografare oggetti sospesi nel tempo e nello spazio.
Soggetti immobili ma urlanti e vitali, come ricordi, che non si possono modificare, ma rivivere e riascoltare, a volte così descrittivi, schietti,  diretti nell’espressione di sensibilità.
Per le mie immagini utilizzo una macchina fotografica analogica e una digitale; quando mi è possibile sviluppo e stampo autonomamente.
Prediligo la tecnica del bianco e nero, perché ciò che osservo è sempre il riflesso traslato della mia anima, e spesso la personale visione di quello che mi circonda è come i miei scatti, bianco o nero.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: